foto6.jpg
Home Ultime
WEBRADIO
Seguici anche su Facebook
VISITA IL NOSTRO BLOG


Sito denuclearizzato

Ultime
PDF Stampa Email

Spiaggia libera di Minori: Make it Blue tra laboratorio ambientale, pulizia costante, servizio di Pronto Soccorso e prevenzione 

 

Volontari Make it Blue

 

Libera, sempre pulita, gratuita e con servizi che vanno da un “Laboratorio ambientale” per i più piccoli alla diffusione delle attività di promozione territoriale per gli eventi culturali, con attività di sensibilizzazione sui temi ambientali. E uno studio finale: una ricerca sull'impatto del volontariato internazionale sulle comunità, il patrimonio e i volontari stessi. Ecco la spiaggia libera di Minori: un luogo in Costiera amalfitana diventato da tre anni un modello di arenile totalmente libero e con servizi - si trovano anche porta-ombrelloni, doccia, passerella in legno - grazie al progetto “Make it Blue” dell'associazione Acarbio in collaborazione con Yap Italia e il sostegno del Comune di Minori.

Più di quaranta i giovani volontari che arrivano da tutto il mondo - Messico, Russia, Spagna, Grecia, Francia, Islanda, Germania, Serbia, ecc – e che divisi in quattro gruppi (che si alternano in due mesi) compongono il workcamp internazionale che affiancano nei vari compiti, persone del posto (scelti dalla lista comunale delle persone svantaggiate).

 Pedalò Make it Blue

Quest'anno sulla stessa spiaggia si vede la presenza anche di un presidio di operatori di primo soccorso con un defibrillatore. Un'iniziativa dell'Asl di Salerno che completa così l'intero progetto, pensato non solo per i cittadini ma anche per i turisti che hanno modo di apprezzare sempre più l'accoglienza e i servizi offerti. E in più, c'è anche l'attività della Croce Rossa e dell'associazione Millenium Amalfi che periodicamente si occuperanno di sicurezza stradale, con prove dell'alcoltest direttamente in spiaggia e sul lungomare, fornendo informazioni sul nuovo Piano di Protezione civile del comune di Minori che va diffuso e fatto conoscere alla popolazione.

Una scelta politica chiara, trasparente, determinata che mira a fornire un eccellente servizio spiaggia a tutti i cittadini coinvolgendo il volontariato, lo scambio culturale e l’integrazione sociale – dichiara il sindaco Andrea Reale - Culture diverse a confronto nel segno dell’ambiente, della sicurezza e della prevenzione. Ringrazio l’associazione Acarbio, l’ASL Salerno, la Croce Rossa Italiana, e l’Associazione Millenium per aver creato un vero centro operativo sulla spiaggia di Minori città del Gusto per diffondere valori fondamentali a cittadini e turisti in sobrietà godendo delle bellezze della costa d’Amalfi per una vacanza d’eccellenza”.

La spiaggia libera diventa così un luogo di condivisione anche delle diverse attività svolte durante tutto l'anno da chi si occupa di questo territorio.

I cittadini si riappropriano così di un luogo pubblico e gratuito per tutti. I volontari, facilmente identificabili con una pettorina blu e la scritta “Make it blue”, ogni giorno dalle ore 8 fino al tramonto, sorvegliano e controllano la pulizia della spiaggia. Con un pedalò spazzamare, assicurano poi anche la pulizia del tratto di mare. Così come del lungomare e del centro storico. Un “laboratorio ambientale” per i più piccoli (dal martedì alla domenica, dalle ore 10 alle 12) sensibilizza su temi che riguardano l'ambiente e la sostenibilità ambientale, con giochi, disegni, immagini. Il workcamp di “Make it Blue” è stato anche selezionato da CCIVS (Coordinating Committee for International Voluntary Service) con il supporto di Erasmus+, per “Volunteer Path”. Il compito è anche quello di svolgere una ricerca sull'impatto del volontariato internazionale sulle comunità, il patrimonio e i volontari stessi. I volontari – quasi tutti studenti universitari - hanno ricevuto un questionario (https://www.surveymonkey.com/r/2017ImpactYAPITpath). Alla fine del progetto, un video racconterà cosa hanno fatto e imparato in questo lembo di Costiera amalfitana che cerca di diventare un vero modello di “turismo sostenibile”.

 

Volontari Make it Blue 2017

 

-----

Altre info (foto e video) sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/MakeitBlueAcarbio/

sul profilo Instagram: www.instagram.com/acarbio

 
PDF Stampa Email

Re Umberto tomato, also known as Fiascone.

History of the recovery of local biodiversity.

 

gruppo ACARBIOTogether with local farmers of the area of the Amalfi Coast our NGO ACARBIO – engaged in environmental projects - incentivized the re-cultivation of the historical Re Fiascone Tomato to preserve the rich cultural landscapes terraces of the area. This tomato was originally cultivated in 1878 in honor of King Umberto I and was one of the main topping of the famous Pizza Margherita 1889 honored to the Queen. The original seed slowly disappeared in the 20th century and was close to extinction, after San Marzano Tomato originated from a crossing between Fiascone and another local variety. We started in 2009 to search for seeds and established partnerships via local crowdfunding to re-cultivate and preserve this old and very tasty heritage variety of tomatoes. Thus, through this project we are securing biodiversity and also preserving the terraces which are part of UNESCO World Heritage.

In case you want to support this biodiversity project, there are different opportunities:

 


 

 

Cultural and natural heritage at the Amalfi Coast

 

The Amalfi Coast is a place rich in history and with unique landscapes. Its greatness its due also to its enormous biodiversity heritage which is often invisible at first sight. In this context the association ACARBIO has committed itself since 2009 in the promotion of the local area, of sustainable development and in environmental topics, dedicating special attention to the recovery of such local biodiversity and agricultural productions at risks of extinction.

Thanks to this tireless activity of preservation and recovery, ACARBIO has brought back many native species (fruits, vegetables, wheat, etc.) that would have been lost otherwise. Among these species there is an ancient vegetable date XIX century which was about to disappear, becoming almost impossible to find: the Re Umberto (King Umbert) tomato

 

Cestino pomodori re umberto

 

A historical heritage tomato variety – The Re Fiascone

 

The fascinating story of this tomato tells of how the origin of its name came from Umberto I of Savoy, when he was king of Italy and visited Naples for the first time in 1878. The locals dedicated to him the best variety of tomato of that time, the king of tomatoes. Also known locally as "Fiascone", Re Umberto tomato is famous for being the ancestor of the San Marzano tomato, which is nothing but a crossbreed between Fiascone and another variety of tomato.

This variety has been grown in Italy for over a century and sold by all the most important seeds companies (it was on the catalogue of Ingegnoli in the 1889 edition and on Sgaravatti's catalogue from 1910 to 1940), but the seeds were mixed with other varieties during the years, causing its cancellation from the national register and making it very difficult to find.

In Tramonti, a village of the Amalfi Coast, Re Umberto tomato was cultivated since the beginning of '900 and the seeds were spread hand by hand. Every family had their own piece of garden used for growing this tomato and every year they would process it and put it in bottles to use it during the whole year for cooking. But also in this area it was gradually disappearing, replaced by other varieties, up to the point it was almost forgotten.

Some local farmers have jealously guarded this seed from generations and have gifted ACARBIO association with it, which has been committed to spread it for free to all the people who cared about the biodiversity of rural areas.

 

Catalogo sgaravatti 1915

Effettocostiera – re-cultivating the old heritage tomato

 

Semi fiascone

And this i show ACARBIO has decided to start a project for recovery and promoting Fiascone tomato, launching a crowdfunding through the network of Ethical Purchasing Groups in Italy, with the objective to collect enough resources to start the first production of tomatoes and process them in jars.

Other than the activities in the field, ACARBIO has started a cooperation with the Regional Research Center (CREA ORT Pontecagnano) to do scientific researches on the tomato and to technically support the farmers during the production phase.

During the processing phase, ACARBIO signed a cooperation with a recognized name in gastronomy of the Campania Region such as the Sabato Abagnale factory farm, which process tomatoes following the old tradition.

The final result is a high quality product. The label "Re Fiascone" represents the beginning of a sustainable development model for the area, which aim to help the local economy, supporting the small "guardian" farmers and at the same time safeguarding the terraced landscape which is characteristic of this area, creating at the same time a link with another important delight of the area such as the Tramonti Pizza, which can become more and more recognizable thanks to a royal dressing like Re Umberto tomato.

 

Barattoli Re Fiascone Pizza al Re Fiascone

The pilot project started by ACARBIO has been handed over to a local start-up called "Effetto Costiera" which is working on the production, selling and valorisation of Re Umberto tomato.

 

For more information and for buying Re Fiascone tomato e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | Tel: 089876236 |www.refiascone.it

 

 
PDF Stampa Email

The story of pizza – The way from Amalfi Coast via Napoli throughout the world

 

The story of the Pizza in Southern Italy begins in Tramonti at the Amalfi Coast– a fact not as well-known as the Pizza itself, which was diffused throughout the world. The Pizza of Tramonti is an old school of the art of Pizza making, which we want to preserve and even spread as it is part of our cultural heritage. Part of this heritage is represented by a historical heritage tomato from 1800 – the Re Fiascone, which was one of the main ingredients - accompanied by mozzarella and basil - on the world-famous Pizza Margherita dedicated to the Queen of Italy in 1889. The original seed slowly disappeared in the 20th century and was close to extinction, after San Marzano Tomato originated from a crossing between Fiascone and another local variety. In the last years, our association started a crowdfunding project to re-discover this special variety and for some years now the Re Fiascone is again cultivated and grown at the Amalfi Coast, saving the local landscape from abandonment and preserving the authenticity of pizza making. Thanks to its history and its special taste, this project is being supported by chefs all over Italy, and in France and New York City which are contributing to the preservation of the landscape terraces and local biodiversity.

 

If you want to support us, there are different possibilities:

 

Preserving the traditional pizza heritage

 

Living in a cultural and historical rich area, the association ACARBIO is not only working to preserve the local natural biodiversity but old traditions and the human arts as cultural heritage of Tramonti and the Amalfi Coast in Southern Italy as well. This actions happen in the context of the efforts to include this area within the network of the Man and Biosphere (MAB) UNESCO Reserves, incentivizing to combine human and natural culture heritage likewise in harmony. This motivates us to align natural projects along with local traditions. Of these, the Pizza di Tramonti (one of the schools of Pizza in Italy, like the Napolitano Pizza) boasts of an ancient history. It has seen many skillful pizza handicrafts born on this territory which stayed strongly related to their origins here in Tramonti, despite migration and global distribution. The city of Tramonti has had the peculiarity of making pizza known all over the world.

 

Pizza con pomodoro fiascone

 

The "Story of the Pizza in Italy" starts at the Amalfi Coast

 

Repubbliche marinare e storia della pizza

The "history of the pizza" began back in the middle age. The numerous rural ovens of Tramonti were supplying the ships of the Maritime Republic of Amalfi, using a specific technic, whipping the bread and completely dehydrating it. Doing so it was prepared to last for months, representing the ideal food for the long journeys to the sea. In order to bring the ovens to the right temperature, the days before baking this bread a dough consisting of rye, millet and barley flavored with spices and lard was prepared to be consumed freshly baked – and exactly this was the beginning of today's pizza. By the end of the 15th century, the trade with the city of Napoli started to grow and reinforce thanks to privileges of Ferdinando I di Aragona which he had granted to Tramonti as a reward for their help during the battle against the Angevins in 1480. This led to a spread of the regional products, like cracked bread and the seasoned pan, which would centuries later be known as pizza. This way the origins of pizza arrived at Napoli, where later on pizza would become a particulate and distinctive element of the region as well. By the late 19th and the early 20th century, most households had the wood-burning oven in their house to make this wholemeal wheat bread. It was a tradition or even a rite to do the pizza with the same dough and to add tomatoes, in particular the Fiascone Tomato (an old variety, which was wide spread in the region due to the fertility of the soil) with olive oil, garlic, oregano and lard. In some cases it was also spiced with fresh cheese similar to the first salt, which had the consistency of mozzarella made of the milk of cows which every family possessed at that time. This pizza was cooked before the bread in the oven without brace or flame.

 

Pane biscottato, il progenitore della pizza

 

Spreading the art – the "pizzaiolo's"

 

This tradition has become a major resource for all the young Tramontani who were forced to emigrate to find work. In 1955, Luigi Giordano from Tramonti exported mozzarella in northern Italy, establishing the first dairy production of mozzarella in these areas and promoting the birth of pizzerias. First if these was "Marechiaro", which opened the doors to new possibilities in the 60s and caused a great "exodus" of people from Tramonti towards the north of Italy. The profession of the pizza maker, the "Pizzaiolo", which can be also seen as the "art of Pizza making", started to spread.

 

In the course over the years, the great passion of these people coupled with the unique art of pizza making - different from the Neapolitan school - has allowed the opening of more than 3000 pizzerias and restaurants, spreading the quality of the productions of Tramonti in Italy and the world.

 

Fior di latte o mozzarella dei monti lattariPizzaioli a lavoro

 

The Pizza of Tramonti officially recognized as cultural tradition - De.Co.

 

In the course of globalization, though, familiarity and simple processes tend to outweigh diversity, tradition and taste. Therefore, this cultural heritage of knowledge and art needs to be preserved in order to still guarantee a resource and opportunity for next generations.

Pizza Deco Tramonti

In 2010, the municipality of Tramonti successfully achieved the registration as De.Co ("denominazione comunale") for the "Pizza of Tramonti", an Italian certificate of authentic historical culture and handcraft. Until today it is the only community in Italy having this acknowledgement, guaranteeing a protection against imitations in front of consumers' interests and the region's interests, while at the same time recognizing the traditional and cultural value. The registration as De.Co represents a trustful certificate of authenticity and quality.

 

Heritage tomato variety "Re Fiascone" adds to the authenticity

 

To strengthen the uniqueness of the Tramonti Pizza, the ACARBIO association has also succeeded in recovering the ancient tomato "Fiascone", a relative of the famous San Marzano Tomato, known since the late 19th century as the tomato "King Umberto" (in honor of King Umberto I of Savoy) that was used for the first pizzas but that with the years had gone almost completely lost. Just in 2015, thanks to a project for the recovery of the ancient seeds still guarded by some farmers in the area, ACARBIO has promoted cultivation, production and transformation to launch a sustainable development project and economic benefit for Tramonti and neighboring areas of the Amalfi Coast. In this project a real product of excellence and an old variety of tomatoes under the label "King Fiascone" was created.

 

Cestino pomodori fiascone Pomodori Re Fiascone

 

Many of the original restaurants and pizzerias in Tramonti have received enthusiastically the recovery of the tomato "Fiascone", including its great potential in combination with the ancient tradition of Pizza, creating a project that gives growth opportunities to their native land and ultimately further bond with it and to all the quality products it exports, such as the Tramonti Pizza.

 

For further information about the project „Re Fiascone Tomato" visit our website www.refiascone.it or write us at Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

For more information about the Pizza of Tramonti and support us at the spreading and preservation, we will be happy to receive your questions or comments at Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
PDF Stampa Email

Progetti e iniziative di ACARBIO:

 

 

Recupero e valorizzazione territoriale

 

Opportunità per i giovani

 

La Mappatura Collaborativa dei Terrazzamenti della Costiera amalfitana

 
PDF Stampa Email

Storia della Pizza di Tramonti, un patrimonio da preservare

L'associazione ACARBIO non solo si occupa di salvaguardia della biodiversità, ma da sempre cerca di preservare anche le tradizioni e le arti del territorio di Tramonti e della Costiera amalfitana. Non a caso la mission dell'associazione è quella di istituire una Riserva MAB UNESCO, dove l'elemento umano è in armonia con quello ambientale. Ecco perché tra le nostre attività ci sono anche progetti di valorizzazione e divulgazione legati alle tradizioni locali, tra cui quella della Pizza di Tramonti (una delle due scuole di pizza, insieme a quella della pizza napoletana), che può vantare una storia antica e che ha visto nascere su questo territorio tantissimi abili artigiani della pizza che nonostante le numerose migrazioni sono rimasti fortemente legati alle loro origini. Si può tranquillamente affermare che la città di Tramonti ha avuto il pregio di far conoscere la pizza in tutto il mondo.

Pizza con pomodoro fiascone

 

Repubbliche marinare e storia della pizzaLa "storia della pizza" comincia dal lontano Medioevo, da quando i numerosi forni rurali di Tramonti sfornavano a pieno ritmo il pane biscottato per rifornire le navi della Repubblica Marinara di Amalfi. Questo tipo di pane, che si faceva al impasto con il lievito madre (cioè, la lievitazione venne ottenuta attravero un lievito sulla base di batterie e lievito di birra), era ideale per i lunghi viaggi in mare, in quanto poteva durare per mesi grazie alla doppia cottura che consentiva la disidratazione completa del pane, che poi veniva reidratato nell'acqua di mare prima di essere consumato. Ed è in questo contesto che nasce la prima "pizza", la pizza antica. Infatti nei giorni di panificazione, per portare i forni alla giusta temperatura, prima di infornare il pane si usava preparare una panella di farina di segale, miglio e orzo che veniva consumata appena sfornata, insaporita con spezie e lardo. Alla fine del 1400, grazie ai privilegi che Ferdinando I di Aragona conferì agli abitanti di Tramonti come ricompensa per averlo aiutato durante la battaglia contro gli Angioini nel 1480, i traffici con Napoli si intensificarono e consentendo ai tramontani di esportare a condizione più vantaggiose i loro prodotti, tra cui il pane biscottato, e la panella condita, che successivamente verrà conosciuta come pizza.  E' in questo contesto che Napoli conobbe per la prima volta questa nuova tradizione culinaria, che fu l'antica pizza, che col tempo diventerà anche un suo elemento distintivo.

Negli anni la tradizione si è rafforzata: tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, la maggior parte delle famiglie, aveva in casa il forno a legna per fare il pane biscottato di farina di grano integrale; ogni qualvolta si preparava la famosa “cotta di pane”, era un rito fare la pizza con lo stesso impasto e veniva condita con pomodori sponsilli (tenuti in conserva sotto i porticati) o pomodori Fiascone (le cui coltivazioni si diffusero in quell'epoca favorita dalla particolare fertilità dei terreni), con olio di oliva, aglio, origano, sugna e anche qualche cubetto di lardo. In alcuni casi veniva condito anche con un formaggio fresco simile al primo sale, dalla consistenza di una mozzarella, prodotto con il latte delle vacche che ogni famiglia possedeva.  La pizza così preparata veniva cotta prima del pane, nel forno senza brace e senza fiamma. A Napoli si sviluppava la famosa pizza napoletana.

La Pizza Margherita però è nata più tardi. Nel 1889, quando la Regina Margherita di Savoia venne a Napoli, questa pizza fu dedicata in suo onore, rappresentando i colori della bandiera Italiana: Il rosso del pomodoro, il bianco della Mozarella, e il verde del Basilico.

Pane biscottato, il progenitore della pizza


Questa tradizione è diventata un bagaglio di conoscenze importante per tutti i giovani tramontani che furono costretti ad emigrare per trovare lavoro. Nel 1955, il tramontano Luigi Giordano esportò la mozzarella nel nord Italia, impiantando il primo caseificio, facendo conoscere per la prima volta questo prodotto in quelle aree e promuovendo la nascita delle pizzeria, prime fra tutte la "Marechiaro", che negli anni sessanta aprì le porte ad un grande esodo da Tramonti verso tutte le città del Nord Italia. Fu in questo modo che si diffuse la professione del pizzaiolo e che la storia della pizza è entrata in una nuova era

La grossa passione di queste persone, unite ad un arte di fare la pizza assolutamente unica e diversa dalla scuola napoletana, cioè quella della Pizza di Tramonti, ha consentito l'apertura di oltre tremila tra pizzerie e ristoranti, spesso usando ancora l'antico lievito madre portata dal paese nativo per l'impasto della pizza. Questi posti sono diventati luoghi di diffusione della qualità delle produzioni agricole e prodotti tipici di Tramonti, in Italia e nel mondo.

Fior di latte o mozzarella dei monti lattari Pizzaioli a lavoro

 

Tutto questo patrimonio di conoscenze e di tradizione necessità però di essere preservato dalle selvagge leggi della globalizzazione, per far si che resistano nel tempo e possano ancora rappresentare un'opportunità per le nuove generazioni e per lo sviluppo del territorio.

Pizza Deco TramontiIn tal senso nel 2010, il comune di Tramonti ha completato l'iter per la De. Co. (denominazione comunale) per la Pizza di Tramonti, diventando l’unico comune Italiano ad avere questo riconoscimento. La nascita della denominazione comunale vuol dire offrire un certificato di garanzia contro le imitazioni, per tutelare il diritto dei consumatori di gustare prodotti di qualità e per tutelare il nostro paese da imitazioni che ne danneggiano l'immagine e l'economia: si tratta, quindi, di un vero e proprio certificato di autenticità.

La mozzarella tradizionale "Fior di Latte" di Tramonti ha importanza anche in questo contesto.

 

A rafforzare l'unicità della Pizza di Tramonti, l'associazione ACARBIO è riuscita anche nell'intento di recuperare l'antico pomodoro fiascone, noto sin dalla fine del XIX come pomodoro Re Umberto (in onore di Re Umberto I di Savoia) che veniva utilizzato per condire le prime pizze ma che con gli anni era andato quasi completamente perduto, diventando introvabile. Proprio nel 2015, grazie ad un progetto di recupero dell'antica semente custodita ancora da alcuni contadini della zona, ACARBIO ne ha promosso la ridiffusione, la messa a produzione e trasformazione, per l'avvio di un progetto di sviluppo sostenibile e rilancio economico di Tramonti e delle aree limitrofe della Costiera amalfitana. Da questo progetto è nato un vero e proprio prodotto di eccellenza sotto l'etichetta "Re Fiascone".

Cestino pomodori fiascone Pomodori Re Fiascone

Già molti ristoranti e pizzerie originarie di Tramonti hanno accolto con entusiasmo il recupero del pomodoro Fiascone, comprendendone il grande potenziale in abbinamento con l'antica tradizione della Pizza, dando vita ad un progetto che da la possibilità di crescita sia al loro territorio natio, rinsaldando ulteriormente il legame con esso, sia a tutti prodotti di qualità che esso esporta, quali proprio la Pizza di Tramonti.

Per maggiori informazioni sul progetto del pomodoro Fiascone, è possibile approfondire su www.refiascone.it o scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Per arricchire ancora di più la storia della pizza di Tramonti e aiutarci a portare avanti l'opera di diffusione e preservazione, inviateci anche le vostre testimonianze all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  .

 

 
«InizioPrec.12345Succ.Fine»

Pagina 1 di 5

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando sul tasto "Agree" acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information